Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

Nell’ambito dell’iniziativa  “Cento piazze per il programma”, che si completerà con l’Assemblea nazionale convocata a Roma per sabato 18 novembre.
L’incontro, aperto a chiunque voglia contribuire all’elaborazione di un progetto di democrazia e uguaglianza per il Paese, sarà l’occasione per un confronto tra esperienze civiche e di lotta, movimenti politici e sociali, cittadini, che, anche nella Città Metropolitana di Reggio Calabria, si battono per l’attuazione della Costituzione, contro ogni forma di mafia, per la difesa della democrazia e dei beni comuni, dell’ambiente e della sanità pubblica, del lavoro, del diritto allo studio, dei diritti dei più deboli.
Un percorso di costruzione dal basso, basato sulla partecipazione e le proposte di quanti vivono direttamente le conseguenze delle politiche di austerità e sul campo le contrastano, di un progetto politico di opposizione alle destre xenofobe e nettamente alternativo, prima e dopo le elezioni, alle politiche neoliberiste dei governi tecnocratici, di centrodestra e di centrosinistra  a guida PD di questi anni.
La lunga crisi iniziata dieci anni or sono è stata colta dalle élite dominanti, dal grande capitale, per destrutturare il modello sociale costruito nei decenni passati. Gli assalti al welfare universalistico ed ai diritti dei lavoratori, la precarizzazione del lavoro  , l’aggressione al territorio e all’ambiente in nome del profitto, sono stati la cifra di questi anni. Come i colpi inferti alla democrazia attraverso leggi elettorali funzionali all’autoconservazione dell’attuale ceto politico, pensate per impedire che le elezioni possano costituire un viatico per il cambiamento.
Ora è il momento di dire basta. E’ tempo di ripartire dalla Costituzione per restituire allo Stato la sua funzione redistributiva, per i diritti, il lavoro, la giustizia sociale. il Mezzogiorno.
In sintesi, per “rimuovere gli ostacoli che impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i cittadini all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”